ATTENZIONE

MAVQr è ottimizzato per essere navigato da dispositivi smartphone e tablet.

Per vedere il contenuto della pagina scansiona il QrCode con il tuo device.

Casa del Poeta Tragico e Casa del Fauno

  

Casa del Poeta Tragico

Sebbene di ridotte dimensioni, questa casa è una delle più eleganti e riccamente decorate di Pompei. Domus di tipo italico, cioè con vani più importanti lungo il medesimo asse, dotata di atrio tuscanico. L’edificio è situato nella Regio VI al limite settentrionale della città appartenente probabilmente ad un certo Anino membro di una delle famiglie della nuova classe senatoria emergente a Pompei. Costruita nel II a.c, ma la decorazione venne interamente rifatta dopo il sisma del 62 d. c. Deve il suo nome alla decorazione musiva raffigurante la Prova teatrale di un coro satiresco, rinvenuta nella casa ed oggi conservata al Museo Archeologico di Napoli. Oggi sono ancora visibili le decorazioni dell’oeucus (salottino), con Arianna abbandonata da Teseo, e dell’ingresso con il mosaico raffigurante un cane accompagnato dalla scritta “Cave Canem” (attenti al cane), tipico di molte abitazioni pompeiane: l’avvertimento è ricordato anche nelle fonti letterarie, come nel gustoso episodio del Satyricôn di Petronio, in cui il protagonista viene spaventato a morte dal grande cane dipinto.
L’atrio era decorato con grandi pitture parietali di soggetto mitologico, tra cui Zeus ed Hera, Achille e Briseide, di particolare pregio compositivo. Intorno si disponevano i cubicoli (le stanze da letto) e le alae (stanze ai lati dell’atrio), anche essi ben decorati.
ll peristilio (il giardino interno), ha un portichetto su tre lati, ove era un’altra celebre pittura, quella col sacrificio di Ifigenia derivata da un quadro del pittore Timante, vissuto nel V-IV secolo a.c. ed un larario nel fondo.
Dal portico si accede in tre ambienti tra cui una sala tricliniare (per il pranzo) decorata con pitture di quarto stile con altri soggetti mitici (Venere e Amorini, Arianna abbandonata da Teseo, Diana).

Casa del Fauno

Grazie ad un sistema di sensori, il nostro movimento determinerà la ricostruzione virtuale della casa del Fauno: avanzando, i nostri passi scopriranno un elegante mosaico e man mano che ci avviciniamo allo schermo, la villa pompeiana si ricostruirà riassumendo ai nostri occhi il suo antico splendore.
La casa del Fauno è la più importante dimora signorile di epoca romana pervenutaci e la sua grandiosità ci restituisce la misura della straordinaria ricchezza della classe nobile romana del II sec d. C.
La sua estensione era di circa tremila metri, fu costruita con avanzate tecniche edilizie nel 120 a.C. Non se ne conosce il nome del proprietario, e la sua denominazione è dovuta alla statua di bronzo raffigurante un fauno danzante posto al centro dell’impluvium della dimora.
Lo stile della casa del Fauno conserva le tracce di quello Sannitico, l’originario, nonostante interventi successivi denuncino il sovrapporsi delle tracce stilistiche più sfarzose che si imposero a Pompei.
La dimora si apre con un grande atrio decorato con grandi lastroni e un finto colonnato ionico. Al centro dell’impluvium, nell’ampio atrio, spicca la statuetta del fauno.
Da qui era possibile seguire con un unico sguardo prospettico l’evolversi della casa padronale: il tablino, la grande sala da pranzo destinata al ricevimento degli ospiti e ai pranzi di famiglia, il primo giardino, l’esedra del mosaico, il secondo giardino ed infine il muro di recinzione.
Lateralmente all’atrio o intorno ad esso, si sviluppano le stanze della servitù e piccole botteghe il cui accesso era garantito da un ingresso alternativo a quello centrale, così da tutelare la riservatezza degli abitanti della casa.

Videoguida LIS

Clicca play per la Videoguida con in LIS

 

Il Museo

Il MAV è situato a pochi passi dagli scavi archeologici di Ercolano, uno dei siti più visitati al mondo, adiacente allo storico mercato di Pugliano in via 4 Novembre 44.

Il Mav è facilmente raggiungibile sia con mezzi pubblici (Circumvesuviana, Autobus, Ferrovie dello Stato), sia in automobile (Autostrada A3 Napoli-Salerno uscita Ercolano).

È in prossimità di altri luoghi di interesse presenti sul territorio, tra i quali: l’Osservatorio Vesuviano, le Ville Vesuviane del Miglio d’Oro e gli Scavi Archeologici di Ercolano e Pompei.

Nei pressi della struttura ci sono complessi alberghieri di prestigio, ristoranti, pizzerie e tutto ciò che può rendere piacevole il soggiorno ad Ercolano.

 

- Orari

Dal 1° marzo al 31 maggio
dal lunedì alla domenica dalle ore 9.00 alle ore 17.30 (ultimo ingresso)

Dal 1° giugno al 30 settembre
dal lunedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.30 (ultimo ingresso)

Dal 1° ottobre al 28 febbraio
dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 16.00 (ultimo ingresso)

Lunedi chiuso.

- Tariffe

Museo MAV e film 3D
€ 10,00 Biglietto individuale adulto
€ 8,00 Biglietto under 13, over 65, studenti, insegnanti, artecard.

Museo MAV
€ 6,00 Biglietto individuale

MAV per le famiglie
Visita al museo + visione del film in 3D/multiD
€ 30,00 per 2 adulti + 2 bambini
Per ogni bambino in più € 7,50

Gruppi organizzati (+ 15pp)
€ 8 Museo MAV + Film 3D

Tariffe speciali per le scuole.

- Indirizzo

Fondazione CIVES – MAV
Via IV Novembre 44 | Ercolano
Napoli – Italy

 

Contatti

Email: info@museomav.it
Sito internet: www.museomav.it
Facebook: www.facebook.com/museomav
Twitter: www.twitter.com/MuseoMav
Instagram: www.instagram.com/museomav

Tel. +39 081 7776843
Fax. +39 081-7323941

- Come arrivare

Da Napoli:

Circumvesuviana: dalla Stazione Centrale (Piazza Garibaldi) linee per Sorrento e Poggiomarino via Pompei fermata Ercolano Scavi

Autobus: linee 157 da Napoli-Parcheggio Brin e 255 da Napoli – Piazza Carlo III

Ferrovie dello Stato: Linea Salerno-Napoli fermata Portici-Ercolano

Via Autostrada: A3 Napoli-Salerno uscita Ercolano direzione Scavi

Accedi alle

LIS del MAV

Premi per provare

la Realtà Aumentata

Font Resize